LOADING

Type to search

Economia News Svizzera

Per la Seco il mercato del lavoro sta bene

Avatar
Share
seco, lavoro, svizzera, il cronista, ilcronista

La Segreteria di Stato dell’Economia (Seco) ha pubblicato una vista d’insieme sul mondo del lavoro, relativa al 2019.

I dati salienti, così come riportati dal Corriere del Ticino, sono questi: il valore medio di disoccupati durante tutto l’anno appena trascorso è stato del 2,3% e, a corredo, il fondo di compensazione dell’assicurazione contro la disoccupazione, proprio in virtù della contrazione del numero di senza lavoro, ha estinto il proprio debito.

I dati, sottolinea il primo quotidiano ticinese, “indicano che il mercato del lavoro è in buona salute”.

I numeri in breve

A livello nazionale, durante il 2019, il numero medio di disoccupati è stato di 106.932 persone, 11.171 in meno rispetto al 2018. Il tasso medio, come detto, è stato del 2,3%, in calo di due punti percentuali (-0,2%).

Una diminuzione che comporta, durante i primi sei mesi del 2019, un calo da 123.962 a 97.222 persone. Era dal 2008 che il numero di disoccupati non scendeva sotto la quota delle 100mila unità.

Per contro, nel secondo semestre, il numero di disoccupati si è ampliato di oltre 20mila persone, arrivando così al totale di 117.277 rilevato a fine anno.

Le persone in cerca di lavoro, a gennaio del 2019, erano 200.125. A fine dicembre 2019 erano 192.955, altro dato in diminuzione (per il terzo anno di fila).

Il risanamento delle casse pubbliche

Il fondo di compensazione dell’assicurazione contro la disoccupazione chiude l’anno con introiti totali per 8,05 miliardi di franchi a fronte di uscite pari a 6,45 miliardi. L’eccedenza (1,6 miliardi di franchi) contribuisce al risanamento finanziario del debito.

Questa la realtà della Seco. Al lettore il compito di trarre conclusioni ponderate.

 

 

Tags:

You Might also Like