covid-19, covid passaporto, covid passaporto europeo, covid passaporto svizzera
Europa News Politica Svizzera

Passaporto Covid-19 entro l’estate?

La Svizzera vuole aderire all'introduzione, entro l'estate, di un passaporto per certificare l'avvenuta vaccinazione anti Covid-19

In cantiere c’è la creazione a livello europeo di un passaporto che certifichi l’avvenuta vaccinazione anti Covid-19, la Svizzera ha sposato questa eventualità che si vuole concretizzare entro l’estate, secondo quanto riportato dai media presenti alla conferenza stampa delle autorità elvetiche lo scorso martedì 30 marzo.

Nell’incontro ufficiale con la stampa, Patrick Mathys, capo della sezione Gestione delle crisi e Cooperazione internazionale presso l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), ha dichiarato che nei prossimi mesi sarà disponibile un certificato di vaccino, senza però fornire date e tappe del progetto.

Il passaporto Covid-19, tema sentito anche dalla Svizzera, è una misura dell’Unione Europea a cui la Confederazione elvetica vuole aderire e sarà un certificato digitale o cartaceo che dovrebbe indicare il vaccino ricevuto, la guarigione dalla malattia e la presenza di anticorpi. Permette alle persone di certificare il proprio stato di buona salute, a vantaggio sia dei viaggi fuori dalla Svizzera, sia della partecipazione a eventi locali. Il tema, come sempre è prima etico e soltanto poi metodologico: si corre il rischio di arrivare al punto in cui chi, non possedendo il passaporto Covid-19, non potrà spostarsi liberamente o assistere a un concerto?
Il commissario europeo all’Industria, Thierry Breton, ha illustrato le caratteristiche del documento che dovrebbe entrare in vigore tra circa 3 mesi a livello europeo e dovrebbe essere facoltativo, ed è il condizionale a destare qualche sospetto. In diversi paesi coperti dalle norme europee sulla privacy, si sta dibattendo sulla tutela dei diritti dei cittadini.
L’idea di una certificazione, buona nel suo principio, rischia però di essere un altro degli svarioni politici che sta evidenziando le lacune e l’impreparazione di quasi tutti i governi coinvolti.